MARZO D'ESSAI

Giovedý 23 MARZO - Ore 21.00

7 MINUTI


Un film di Michele Placido.
Con Ambra Angiolini, Cristiana Capotondi,
Fiorella Mannoia, Violante Placido.

CINEMATOGRAFO LA FILANDA

Venerdý 24 marzo - Ore 21.00
Sabato 25 marzo - Ore 21.00
Domenica 26 marzo - Ore 16.00 - 21.00

IL DIRITTO DI CONTARE


Un film di Theodore Melfi.
Con Taraji P. Henson, Octavia Spencer,
Janelle Monße, Kevin Costner.

MARZO D'ESSAI

Giovedý 30 MARZO - Ore 21.00

Io, Daniel Blake


Un film di Ken Loach.
Con Dave Johns, Hayley Squires,
Dylan McKiernan, Briana Shann.

CINEMATOGRAFO LA FILANDA

Prossimamente

Non Ŕ un paese

per giovani


Regia di Giovanni Veronesi.
Con Filippo Scicchitano, Giovanni Anzaldo,
Sara Serraiocco.

CINEMA PER L'INFANZIA

Lunedý 27 marzo - Ore 8.00
Lunedý 3 aprile - Ore 8.00
Martedý 4 aprile - Ore 8.00
Mercoledý 5 aprile - Ore 8.00

Pets - Vita da animali


Un film di Chris Renaud
Yarrow Cheney.

STAGIONE TEATRALE LA FILANDA

Venerdý 28 aprile 2017 - ore 21.00

ROTTE MEDITERRANEE

Testi: Ivo Andric, Paolo Rumiz, Moni Ovadia

Voce: Moni OVADIA

Chitarra e arrangiamenti: Giovanni SENECA

Marzo d'essai giovedì 23 marzo 7 MINUTI un film di Un film di Michele Placido. con Ambra Angiolini e Fiorella Mannoia.

Per il fine settimana IL DIRITTO DI CONTARE un film di Derek Cianfrance con Michael Fassbender e Alicia Vikander.

Moni OVADIA chiude la STAGIONE TEATRALE LA FILANDA con ROTTE MEDITERRANEE, recital per voce e chitarre basato sullʼintreccio di racconti e canzoni popolari dellʼarea mediterranea e composizioni originali di Giovanni Seneca.

Definito il cartellone per il MAGGIO MUSICALE IN CHIESA VECCHIA.

Marzo d'essai

Giovedì
23 marzo 2017

Ore 21.00

 

Biglietti:

Intero € 4,00

 

Recensioni

MyMovies

MediaCritica

Trailer

7 minuti

Un film di Michele Placido.
Con Ambra Angiolini, Cristiana Capotondi, Fiorella Mannoia, Maria Nazionale, Violante Placido.

L'azienda tessile Varazzi è in procinto di siglare l'accordo che la salverà dalla chiusura immediata. I partner francesi sono pronti a concludere, ma all'ultimo momento consegnano alle undici componenti del consiglio di fabbrica una lettera che chiede loro di sacrificare sette minuti di intervallo al giorno. Il consiglio è composto da nove operaie e un'impiegata, più una rappresentante sindacale, Bianca, dipendente della Varazzi da decenni.

Le componenti del consiglio sono uno spaccato della forza lavoro femminile contemporanea nel nostro Paese: c'è la ventenne neoassunta e la veterana con figlia incinta; c'è l'immigrata africana, quella albanese concupita dal proprietario della fabbrica, quella che prende botte dal marito e la semitossica. Anche l'impiegata è un'ex operaia trasferita in ufficio da quando un incidente sul lavoro l'ha lasciata su una sedia a rotelle.

Questa galleria di personaggi denuncia la matrice teatrale di 7 minuti, testo scritto (anche per il grande schermo) da Stefano Massini (la sceneggiatura è cofirmata da Michele Placido e Toni Trupia), che cerca di concentrare in quel pungo di figure femminili quasi tutte le problematiche che affliggono le donne in Italia.

La costruzione drammaturgica segue la falsariga de La parola ai giurati, classico del '57 firmato (per la televisione) da Sidney Lumet di cui è stato realizzato un remake nel 2007 da Nikita Mikhalkov, 12.

A Ottavia Piccolo, nei panni di Bianca, tocca il ruolo che fu di Henry Fonda, ovvero la voce della ragione che sa penetrare le coscienze di chi, reagendo di pancia, cerca invece la soluzione più immediata, come Angela, l'operaia napoletana con quattro figli cui dà la presenza "pesciarola" Maria Nazionale: ed è una scelta di casting azzeccata affidare quel ruolo a una cantante, perché la potente voce di Angela sembra voler costantemente sopraffare quella pacata di Bianca.

L'altra cantante del cast è Fiorella Mannoia nei panni di Ornella, coetanea di Bianca e memore di un tempo in cui i diritti degli operai erano tutelati: la sua prova di attrice è notevole e inaspettata. Ambra Angiolini presta la sua incazzatura alla combattiva Greta e Violante Placido è un'insolita contabile dall'aspetto dimesso.


Cinematografo la Filanda

Venerdì
24 marzo 2017

Ore 21.00

Sabato
25 marzo 2017

Ore 21.00

Domenica
26 marzo 2017

Ore 16.00 - 21.00

 

 

Trailer

 

Il diritto di contare

Un film di Theodore Melfi.
Con Taraji P. Henson, Octavia Spencer, Janelle Monáe, Kevin Costner, Kirsten Dunst

Nella Virginia segregazionista degli anni Sessanta, la legge non permette ai neri di vivere insieme ai bianchi.

Uffici, toilette, mense, sale d'attesa, bus sono rigorosamente separati. Da una parte ci sono i bianchi, dall'altra ci sono i neri. La NASA, a Langley, non fa eccezione. I neri hanno i loro bagni, relegati in un'aerea dell'edificio lontano da tutto, bevono il loro caffè, sono considerati una forza lavoro flessibile di cui disporre a piacimento e sono disprezzati più o meno sottilmente.

Reclutate dalla prestigiosa istituzione, Katherine Johnson, Dorothy Vaughan e Mary Jackson sono la brillante variabile che permette alla NASA di inviare un uomo in orbita e poi sulla Luna. Matematica, supervisore (senza esserlo ufficialmente) di un team di 'calcolatrici' afroamericane e aspirante ingegnere, si battono contro le discriminazioni (sono donne e sono nere), imponendosi poco a poco sull'arroganza di colleghi e superiori. Confinate nell'ala ovest dell'edificio, finiscono per abbattere le barriere razziali con grazia e competenza.

La qualità più grande del film di Theodore Melfi è quella di sfogliare una pagina sconosciuta della NASA. Pagina 'bianca' coniugata fino ad oggi al maschile. Se la storia, il contributo delle scienziate afroamericane alla conquista dello spazio, è una novità, la maniera di raccontarla è convenzionale ma non per questo meno appassionante.

Il diritto di contare mette in scena efficacemente il razzismo e il sessismo ordinario dei bianchi, concentrandosi sui drammi silenziosi che muovono la Storia in avanti. Suscettibile di incontrare il favore di un largo pubblico, Melfi sa bene quando spingere l'emotività dislocando lo sguardo sul romance di Katherine e James, Il diritto di contare segue la storia dell'esplorazione spaziale americana attraverso lo sguardo di tre eroine intelligenti e ostinate che hanno cambiato alla loro maniera il mondo.


Marzo d'essai

Giovedì
30 marzo 2017

Ore 21.00

 

Biglietti:

Intero € 4,00

 

Recensioni

MyMovies

MediaCritica

Trailer

Io, Daniel Blake

Un film di Ken Loach.
Con Dave Johns, Hayley Squires, Dylan McKiernan, Briana Shann, Kate Runner.

Newcastle. Daniel Blake è sulla soglia dei sessant'anni e, dopo aver lavorato per tutta la vita, ora per la prima volta ha bisogno, in seguito a un attacco cardiaco, dell'assistenza dello Stato.

Infatti i medici che lo seguono certificano un deficit che gli impedisce di avere un'occupazione stabile. Fa quindi richiesta del riconoscimento dell'invalidità con il relativo sussidio ma questa viene respinta. Nel frattempo Daniel ha conosciuto una giovane donna, Daisy, madre di due figli che, senza lavoro, ha dovuto accettare l'offerta di un piccolo appartamento dovendo però lasciare Londra e trovandosi così in un ambiente e una città sconosciuti.

Tra i due scatta una reciproca solidarietà che deve però fare i conti con delle scelte politiche che di sociale non hanno nulla.

È bello ogni tanto verificare che i registi si contraddicono. Era accaduto qualche anno fa con Ermanno Olmi che, presentando Centochiodi, aveva dichiarato che non avrebbe girato più film di finzione. Fortunatamente per noi ne ha già realizzati altri due.

Lo stesso succede ora per Ken Loach che sembrava, a sua volta, rivolto al documentario e invece ci regala un film di quelli che solo lui può offrirci.

Carico cioè di uno sguardo profondamente umano e al contempo con le caratteristiche del grido che invita a ribellarsi a quello che sembra uno status quo inscalfibile. Per farlo è ritornato, insieme al fido Paul Laverty, per documentarsi, nella sua città natale, Nuneaton, in cui partecipa all'attività di sostegno di chi si trova in difficoltà.


Prossimamente al Cinematografo la Filanda

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Trailer

 

Non è un paese per giovani

Regia di Giovanni Veronesi.
Con Filippo Scicchitano, Giovanni Anzaldo, Sara Serraiocco, Sergio Rubini, Nino Frassica.

Sandro ha poco più di vent'anni, è gentile, a volte insicuro e il suo sogno segreto è diventare uno scrittore.

Luciano invece è coraggioso e brillante, ma con un misterioso lato oscuro. S'incontrano tra i tavoli di un ristorante dove lavorano entrambi come camerieri. Come tanti loro coetanei, Sandro e Luciano sentono che la loro vita in Italianon non ha alcuna prospettiva.

Si scelgono istintivamente e decidono, presi da un'euforica incoscienza, di cercare un futuro per loro a Cuba, la nuova frontiera della speranza dove tutto può ancora accadere. Il progetto è quello di aprire un ristorante italiano che offra ai clienti il wi-fi -ancora raro sull'isola- grazie alle nuove ma limitate concessioni governative.

Con Nora, la strana ragazza che li aspetta all'Avana come un destino, scopriranno che esiste anche un modo glorioso di perdersi, che darà un senso profondo alla fatalità che li ha fatti incontrare. Attraverso scelte pericolose, violente, incontri necessari e addii pieni di silenzio, Non è un paese per giovani racconta la tenacia e la bellezza di una generazione che anche se privata di un luogo dove diventare grandi non si lascia spegnere.


Cinema per le Scuole dell'Infanzia

Lunedì
27 marzo 2017

Ore 8.00

Lunedì
3 aprile 2017

Ore 8.00

Martedì
4 aprile 2017

Ore 8.00

Mercoledì
5 aprile 2017

Ore 8.00

 

Ingresso libero per le
Scuole dell'Infanzia di Cornaredo

e di San Piero all'Olmo.

Trailer

Pets - Vita da animali

Un film di Chris Renaud, Yarrow Cheney.
Con Louis C.K., Eric Stonestreet, Kevin Hart, Jenny Slate, Alessandro Cattelan.

Max ha quattro zampe e vive a New York con Katie, la vivace padroncina che lo ha 'adottato' e strappato alla strada.

Espansivo e fedele, passa la giornata ad aspettarla perché come ogni altro essere umano Katie ogni mattina infila la porta e se ne va.

A fare cosa è domanda su cui si interrogano Max e i suoi amici di condominio: gatti, cani, criceti, pappagalli, canarini, rapaci. Una sera Katie rientra accompagnata da Duke, un enorme cane peloso a cui ha deciso di dare affetto e asilo. Ma Max non sembra pensarla allo stesso modo.

La rivalità per vincere il cuore di Katie li conduce letteralmente in un vicolo cieco, braccati da una gang di animali sciolti guidati da un coniglietto sociopatico. Ma lassù, ai piani alti del building, qualcuna lo ama e si lancia impavida (e chic) alla sua ricerca.

Che cosa fanno gli animali domestici quando i padroni escono a sbrigare la vita? Guardano le telenovela, saccheggiano frigoriferi, organizzano feste techno, almeno per l'Illumination Mac Guff che promette un divertimento bestiale.


Stagione Teatrale La Filanda

Venerdì
28 aprile 2017

Auditorium La Filanda

Ore 21.00

 

Intero € 15,00
Ridotto € 13,00

 

Prenotazione Biglietti

 

 

SILOS Creative

Rotte mediterranee

Testi di Ivo Andric, Paolo Rumiz e Moni Ovadia.

Voce: Moni OVADIA
Voce: Anissa GOUIZI
Chitarra, composizioni e arrangiamenti: Giovanni SENECA

 

“Tutto ciò che questa nostra vita esprime - pensieri, sforzi, sguardi, sorrisi, parole, sospiri - tutto tende verso l'altra sponda, come verso una meta, e solo con questa acquista il suo vero senso. Poiché, tutto è passaggio, è un ponte le cui estremità si perdono nell'infinito e al cui confronto tutti i ponti dì questa terra sono solo giocattoli da bambini, pallidi simboli. Mentre la nostra speranza è su quell'altra sponda.”

Ivo Andric

Rotte Mediterranee è un recital per voce e chitarre basato sullʼintreccio di racconti e canzoni popolari dellʼarea mediterranea e composizioni originali di Giovanni Seneca.

Leggi tuttto

Maggio Musicale in Chiesa Vecchia - Stagione 2017

 

Domenica 7 maggio 2016 – ore 21.00

BAROCCO ITALIANO

Musiche di: Antonio VIVALDI, Nicola PORPORA, Riccardo BROSCHI.

ACCADEMIA MUSICALE DELL’ANNUNCIATA

Mezzosoprano: Rachel O'Brien
Violino solo: Carlo Lazzaroni
Cembalo e direzione: Riccardo Doni

 

 

Sabato 13 maggio 2016 - ore 21.00

WOLFANG AMADEUS MOZART

Sinfonia n. 29 KV 201 in La maggiore.
Concerto per pianoforte n. 15 KV 450 in Si bemolle maggiore

ORCHESTRA DA CAMERA “ARTEVIVA”

Matteo Baxiu - Direttore
Ilario Nicotra - Pianoforte

 

 

Sabato 20 maggio 2016 – ore 21.00

MELODRAMMA ITALIANO

Giuseppe Verdi: Quartetto in Mi minore
Inldebrando Pizzetti: 3 Canzoni popolari
Autori Vari: Aree d’opera per quartetto d’archi, pianoforte e soprano

QUARTETTO D'ARCHI “SCROVELLAZZA di TOMASO VALDINOCI"

Claudia Pavone - Soprano
Luca Ciammarughi  - Pianoforte

 

 

Sabato 27 maggio 2016 – ore 21.00

ROMANTICISMO TEDESCO

Robert Schumann: Fantasiestucke - op. 73
Johannes Brams: Quintetto in Si minore - op. 115

QUARTETTO PEROSI

Enrico Maria BARONI - Primo Clarinetto e Solista dell'Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI.

Conferito all'Associazione la Filanda il CORNIOLO D'ORO

 

 

 

 

 

 

Corniolo d'Oro

La Commissione Comunale costituita per la VI edizione del premio "CORNIOLO D'ORO", presieduta dal Sindaco YURI SANTAGOSTINO, ha conferito alla nostra Associazione la civica benemerenza comunale.

Tale riconoscimento viene conferito una volta all'anno ai cittadini e alle associazioni cornaredesi che con opere concrete abbiano dato lustro alla città.

Il Consiglio Direttivo dell'ASSOCIAZIONE LA FILANDA, nel ringraziare il Sindaco e la Commissione per l'onore concesso, riconfermano l'impegno a continuare a perseguire le finalità contenute nello Statuto dell'Associazione la Filanda, impegno che sarà certamente rinvigorito in virtù del riconoscimento oggi concesso.