CINEMATOGRAFO LA FILANDA

Venerdì 20 maggio - ore 21.00
Sabato 21 maggio - ore 21.00
Domenica 22 maggio - ore 16.00 - 21.00

settembre

Regia di Giulia Steigerwalt.

Con Fabrizio Bentivoglio, Barbara Ronchi,
Thony, Andrea Sartoretti,

STAGIONE MUSICALE LA FILANDA

COMUNE DI CORNAREDO


organ strings trio


Una serata particolare,
in cui alla voce del “nostro” Prestinari
si uniscono quelle del violino
e del violoncello

CINEMATOGRAFO LA FILANDA

PROSSIMAMENTE

nostalgia


Regia di Mario Martone.

Con Pierfrancesco Favino, Tommaso Ragno,
Francesco Di Leva, Aurora Quattrocchi.

L'accesso alla sala è consentito con le seguenti modalità:

Cinematografo La Filanda

Venerdì
20 maggio 2022

Ore 21.00

Sabato
21 maggio 2022

Ore 21.00

Domenica
22 maggio 2022

Ore 16.00 e 21.00

 

 

Interi Euro 6.00

Ridotti Euro 5.00

 

Trailer

 

 

 

Settembre


Regia di Giulia Steigerwalt.
Con Fabrizio Bentivoglio, Barbara Ronchi, Thony, Andrea Sartoretti, Tesa Litvan.

Francesca "non sta più bene" con suo marito Alberto da tempo, e confida la sua tristezza alla migliore amica Debora, a sua volta in crisi con il marito Marco.

Il figlio di Francesca, Sergio, dà lezioni di sesso a Maria, una ragazzina alle prime esperienze, che condivide dubbi e paure con l'amica Simona. Guglielmo, il ginecologo di Francesca, frequenta Ana, una giovanissima prostituta croata, che si sta innamorando del panettiere Matteo. I loro percorsi sono destinati ad intersecarsi, e le loro vite sono prossime a cambiare.

Giulia Steigerwalt, attrice, sceneggiatrice e ora anche regista, debutta nel lungometraggio di finzione con Settembre, commedia romantica corale delicata e poetica, costellata di gesti minimi e di piccole rivoluzioni interiori.

Un film che inizia con un sospiro e procede come un sussurro, presentando i suoi personaggi attraverso le loro solitudini, e risparmiandoci il classico spiegone riassuntivo in voce fuori campo per cui è tristemente nota la commedia contemporanea italiana.

Per molti versi Settembre è più francese, o indie americano (del resto Steigerwalt è di origine statunitense), che italiano. Ha una soavità gentile e una capacità di costruire dialoghi e piccole svolte non scontati, seppur all'interno di una serie di incastri romantici dal prevedibile esito cinematografico.

Steigerwalt affida buona parte della trama ad attori esperti, a cominciare da Fabrizio Bentivoglio nei panni di Guglielmo per proseguire con Barbara Ronchi (Francesca), i cui occhi sono davvero finestre dell'anima, Thony (Debora, anche autrice di due delle canzoni della colonna sonora, e interprete del classico di Elvis Costello "Everyday" insieme all'autore delle musiche originali, Michele Braga) e Andrea Sartoretti (Marco). Ma affianca loro anche volti nuovi come Tesa Litvan (Ana) ed Enrico Borello (Matteo), Margherita Rebeggiani (Maria) e Luca Nozzoli (Sergio), che conferiscono freschezza e naivete alla storia.


Maggio Musicale in Chiesa Vecchia


Sabato
21 maggio 2022

Ore 21.00


 

 

PROSSIMI APPUNTAMENTI

 

Mercoledì

1°giugno 2022

Ore 21.00

 

Organ Strings Trio


Una serata particolare, in cui alla voce del “nostro” organo Prestinari si uniscono quelle del violino e del violoncello in una formazione inusuale ma di grandissimo valore ed effetto.

Gli esecutori, di altissimo livello, fanno “dialogare” i loro strumenti senza che l’uno prevalga sull’altro, regalando al pubblico emozioni diverse a seconda delle partiture.

Da Rheinberger, il cui Trio è stato definito “... di vera musica da camera per una combinazione di strumenti raramente esplorata”, ad Alessandro Marcello e il suo famoso, delicato Adagio trascritto da Johann Sebastian Bach, per finire con due conosciutissimi brani composti da Ennio Morricone per due splendidi film.

 

Programma di Sala


Prima Visione Cinematografo La Filanda

Venerdì
27 maggio 2022

Ore 21.00

Sabato
28 maggio 2022

Ore 21.00

Domenica
29 maggio 2022

Ore 16.00 e 21.00

 

 

Interi Euro 6.00

Ridotti Euro 5.00

 

Trailer

 

 

 

Nostalgia


Regia di Mario Martone.
Con Pierfrancesco Favino, Tommaso Ragno, Francesco Di Leva, Aurora Quattrocchi.

Felice Lasco torna a Napoli, nel rione Sanità, dopo quarantacinque anni trascorsi fra Medio Oriente e Africa.

La madre sta morendo e lui la accudisce fino all'ultimo con tardiva ma amorosa pazienza. Poi, invece di tornare al Cairo dove lo aspetta l'amata compagna, Felice sembra obbedire al richiamo delle radici e di un destino, e resta. Resta perché in attesa dell'incontro fatale con Oreste, noto ormai come delinquente incallito.

Felice racconta a un medico dell'ospedale San Gennaro dei Poveri e a don Luigi Rega, prete combattivo e maieuta, la sua storia. Ha diciassette anni, fiero della sua Gilera e della sua amicizia con Oreste Spasiano, detto Malommo, compagno di sortite per i vicoli e di piccoli scippi. Poi, imprevedibile, il delitto di un usuraio.

Oreste gli sfonda la testa. Felice è agghiacciato, non tradisce l'amico ma si chiude in un silenzio pieno di angoscia finché uno zio non lo porta con sé a Beirut, dove comincia una nuova vita. Ora, dopo tanto tempo, Felice si espone alla sofferta bellezza della sua città, alla disperazione e anche al formicolare di speranze che agitano il Rione Sanità, illuminato dal testardo operare di don Rega.

Come da copione, però, Oreste attende Felice perché in realtà alla Sanità il Male lavora anche contro la Storia. E non c'è riscatto veramente possibile.