NOVEMBRE D'ESSAI

Giovedì 13 dicembre - ore 21:00

the cildren act

il verdetto

Regia di Richard Eyre.
Con Emma Thompson, Stanley Tucci,
Fionn Whitehead, Anthony Calf.

STAGIONE TEATRALE LA FILANDA

Venerdì 14 dicembre - ore 21:00

ulisse e le donne


Adattamento dall’Odissea
di Laura De Marchi

Con Rocco Ciarmoli, Marta Nuti
e Laura De Marchi

CINEMATOGRAFO LA FILANDA

Sabato 15 dicembre - Ore 21.00
Domenica 16 dicembre - Ore 16.00 - 21.00
Lunedì 17 dicembre - Ore 21.00

colette

Regia di Wash Westmoreland.

Con Keira Knightley, Eleanor Tomlinson
Dominic West, Fiona Shaw, Aiysha Hart.

Prossimamente COLETTE. Un film di Wash Westmoreland. Con Keira Knightley, Eleanor Tomlinson, Dominic West.

Ottobre d'essai

Giovedì
13 dicembre 2017

Ore 21.00

 

Biglietti:

Intero € 4,00

 

Recensioni

MyMovies

 

 

Trailer

The Children Act
Il verdetto

Regia di Richard Eyre.
Con Emma Thompson, Stanley Tucci, Fionn Whitehead, Anthony Calf, Jason Watkins.

Giudice dell'Alta Corte britannica, Fiona Maye è specializzata in diritto di famiglia. Diligente e persuasa di fare sempre la cosa giusta, in tribunale come nella vita, deve decidere del destino di Adam Henry, un diciassettenne testimone di Geova che rifiuta la trasfusione.

Affetto da leucemia, Adam ha deciso in accordo con i genitori e la sua religione di osservare la volontà di Dio ma Fiona non ci sta. Indecisa tra il rispetto delle sue convinzioni religiose e l'obbligo di accettare il trattamento medico che potrebbe salvargli la vita, decide di incontrarlo in ospedale. Il loro incontro capovolgerà il corso delle cose e condurrà Fiona dove nemmeno lei si aspettava.

Per quanto si provi a dire a parole il film di Richard Eyre, mancherà sempre all'appello l'essenziale. E l'essenziale in The Children Act - Il Verdetto è l'indicibile, quello smarrimento violento e improvviso che coglie qualche volta l'individuo fino a rovesciarne lo spirito e spostare per sempre il suo cuore più in là.

Di questo spiazzamento esistenziale fa esperienza Fiona Maye, giudice nata dalla penna di Ian McEwan ("La ballata di Adam Henry") e confrontata con una richiesta urgente in risonanza con la sua vita privata. Una vita trascorsa a esaminare situazioni altamente conflittuali, a valutare punti di vista che si oppongono, a divorare il tempo che avrebbe dovuto condividere col marito, a risolvere e risolversi con misura e distacco. Ma la fragilità del suo matrimonio e lo stato di salute di un adolescente rompono il suo delicato e costante esercizio, costringendola a confrontarsi bruscamente con se stessa per donare un nuovo senso alla parola responsabilità.

Cercando "l'interesse del bambino", principio in apparenza semplice ma di applicazione sovente dolorosa, la protagonista si perde e perde il filo. L'elemento perturbatore ha il corpo tormentato e il volto seducente di Adam (Fionn Whitehead, il giovane soldato di Dunkirk), indeciso tra principi religiosi e vitale pulsione adolescenziale. L'ambivalenza dell'animo umano è soggetto e materia di un film che illustra senza fioriture il ritratto di una donna travolta da quello che è chiamata a giudicare.


Stagione Teatrale La Filanda

Venerdì
14 dicembre 2018

Ore 21.00

 

 

Biglietti:

Interi Euro 10.00

Ridotti Euro 8.00

 

Prenotazioine biglietti

L’improvvisa indisponibilità di uno dei principali interpreti di “A.A.A. Cercasi Successo” ci ha portati, con l’aiuto dei responsabili della Compagnia S.M. Art e della regista Laura De Marchi, a selezionare un’altra produzione della stessa compagnia.

Ulisse e le donne

Adattamento dall’Odissea di Laura De Marchi
Con Rocco Ciarmoli, Marta Nuti e Laura De Marchi
Disegno luci e fonica: Gianfranco Pedetti
Regia di Laura De Marchi

Una “rilettura” dell’Odissea che intende riportare all’attenzione dello spettatore il mito dell’ “eroe” Ulisse e il suo rapporto con le donne. Una visione non priva di “umorismo”.

Calipso, Nausicaa, Circe e Penelope rappresentano quattro tipologie di donne che si dedicano totalmente, anche se in modi diversi, al loro “eroe”.

Per il ruolo di Ulisse è stato volutamente scelto Rocco Ciarmoli, comico noto a livello nazionale e nel panorama televisivo, (cinema, tv, Zelig Off, Zelig Circus ecc.) che ha tuttavia una solida preparazione classica e che riesce, con facilità, a passare dal registro comico a quello drammatico.

Calipso, Nausicaa e Circe, sono interpretate da Marta Nuti, attrice duttile e di grande talento, protagonista di numerosi spettacoli di prestigio nel panorama teatrale italiano.

Il ruolo di Penelope, l’adattamento teatrale e la regia sono affidati a Laura De Marchi, attrice, autrice e regista che ha avuto esperienze in trasmissioni comiche di popolarità nazionale come “Tintoria” (Rai 3),  “Voglia d’aria fresca” con Carlo Conti (Rai 1), “Tutte donne tranne me” condotta da Massimo Ranieri (Rai1). Ha parallelamente condotto una carriera di attrice teatrale e, tra le altre cose, ha preso parte a vari film fra cui “Youth”, diretto da Paolo Sorrentino e “La vita è una cosa meravigliosa” per la regia di Carlo Vanzina.

Siamo certi che la sostituzione sarà all’altezza delle aspettative del nostro pubblico.


Prossimamente al Cinematografo La Filanda

Sabato
15 dicembre 2018

Ore 21.00

Domenica
16 dicembre 2018

Ore 16.00 - 21.00

Lunedì
17 dicembre 2018

Ore 21.0

 

 

Biglietti:

Interi Euro 5.00

Ridotti Euro 4.00


 

Trailer

Colette

Regia di Wash Westmoreland.
Con Keira Knightley, Eleanor Tomlinson, Dominic West, Fiona Shaw, Aiysha Hart.

Quando Colette sposa Willy, celebre imprenditore letterario, lascia per la prima volta la sua adorata campagna e viene catapultata nella Parigi libertina della Belle Époque.

La scoperta della passionale vita coniugale, gli intrighi ed i tradimenti di cui è circondata, le ispirano una serie di racconti autobiografici aventi come personaggio principale quello di Claudine, che si inserisce subito nell'immaginario pop delle signore francesi.

Lo straordinario successo letterario viene però attribuito al marito di lei, offuscando la natura stessa di Colette/Claudine che avrà la sua rivalsa solo dopo che Willy sarà costretto a rinunciare ai diritti sulle opere. 

La vita della scrittrice più controversa della prima metà del XX secolo ha ispirato questo film che ripercorre solo l'inizio turbolento della sua carriera.

Colette, infatti, dopo la collaborazione con il marito che per anni firmò a suo nome i racconti di Claudine, ebbe la sua rivincita diventando un'attrice di music-hall, autrice e critica teatrale, estetista e commerciante di cosmetici. Una vera e propria figura iconica a cui continuano ad ispirarsi tutti i moti per l'emancipazione femminile ed a cui viene attribuita la rottura di alcuni tabù sulla sessualità femminile. 

Il film è stato diretto da Wash Westmoreland, autore di opere conosciute soprattutto all'interno del panorama indipendente americano, e regista rivelazione del toccante Still Alice. La sceneggiatura di quest'ultimo, come quella di Colette è stata scritta in collaborazione con il marito Richard Glatzer, scomparso nel 2015.