In attesa di una ripresa ...... proviamo con lo steaming

25 Aprile - Festa della Liberazione

Sabato 24 Aprile dalle ore21.00

Io sono Visone

Una storia d'amore e di lotta, di coraggio e di libertà, di due persone comuni che gli eventi hanno trasformato in icone.

di e con: Dario LEONE
regia tecnica: Massimo GUERCI
regia artistica: Dario LEONE
musiche Sara CALVANELLI, Virginia VERONESI, Dario LEONE.
Interviste: Marco POZZI

Visone e Sandra erano i nomi di battaglia di Giovanni Pesce e Nori Brambilla, due dei protagonisti della lotta partigiana milanese.
Dalle loro memorie ci arrivano forti e chiari i sentimenti di paura e coraggio, angoscia e gioia degli anni dell'occupazione tedesca di Milano e del nord Italia. Un'incredibile aggrovigliarsi di astuzie e sangue freddo senza i quali forse ora non saremmo qui a raccontare questa storia.

Liberamente tratto da “Senza tregua” e da “Giovanni Pesce Visone”, lo spettacolo porta in scena la vita di Giovanni Pesce dalla sua nascita alla Liberazione, passando ovviamente per l'incontro con la staffetta Sandra, che da compagna di lotta diventa compagna di vita, catturata e torturata in quello che oggi è il Piccolo Teatro di via Rovello.

Torture inutili, perché Sandra non aprì bocca, salvando la vita a Visone e salvando i piani di Liberazione della città.

 

Costruito come una via di mezzo tra un film e uno spettacolo teatrale, alternando la narrazione dell’attore dal vivo a documenti video originali dei due combattenti, lo spettacolo narra la lotta di Giovanni Pesce e di Nori Brambilla per la Liberazione, inevitabilmente intrecciando l'anima dei combattenti a quella delle persone.

Una storia incredibile, accaduta in alcuni dei punti tuttora più conosciuti e vissuti di Milano e Torino.

Lo spettacolo ha debuttato dal vivo il 27 luglio 2017, giorno del decennale della morte di Giovanni Pesce, al Piccolo Teatro Strehler di Milano, che prima della Liberazione era la caserma della Muti, in cui vennero torturati e uccisi molti dei “ragazzi” di Visone. Alla serata era presente Tiziana Pesce, la figlia di Giovanni e Nori.

In occasione dell'attuale situazione pandemica è stato riadattato per essere rappresentato in streaming video. Ma non è semplicemente la ripresa video di uno spettacolo teatrale: l'intero spettacolo è stato smontato e rimontato appositamente per essere rappresentato “da remoto” e per essere visto da uno schermo. Ne esce appunto una via di mezzo tra un film, un documentario, e uno spettacolo teatrale.

La decisione di proporlo ai cornaredesi in occasione del 25 aprile 2021 è possibile grazie alla buona collaborazione tra l’Assessorato alla Cultura, l’Associazione La Filanda e la sezione ANPI di Settimo Milanese e Cornaredo “Giulia Lombardi”. Siamo convinti che rappresenti un episodio del nostro passato – per la verità neanche così distante – che è giusto tenere a mente per evitare nuove e pericolose derive al giorno d’oggi. 

Come poter partecipare alla visione?
Semplicissimo! Sarà sufficiente disporre di uno Smart TV, o di un Tablet o di un PC, o di un Mac naturalmente collegati ad Internet.
Sarà anche possibile – come estrema ratio - visualizzare lo spettacolo su SmartPhone (Android o Apple).


Recuperare il collegamento (link) allo spettacolo
Questa volta – per evitare complicazioni, non riceverete un link, ma sarà necessario collegarsi al sito del Comune di Cornaredo (www.comune.cornaredo.mi.it) da uno degli strumenti di cui sopra, individuare il link nella home page del Comune, cliccarlo, oppure copiarlo ed inserirlo nella barra dell’indirizzo (in alto sulla pagina) di un programma di navigazione Internet (browser) come Internet Explorer, Chrome, Mozilla Firefox, Safari, Opera o altri e premere Invio.

Questo farà aprire automaticamente la pagina da cui visualizzare lo spettacolo.

Il link potrà essere utilizzato su un solo apparecchio di ricezione, ma la visione non è limitata ad una sola persona; sarà disponibile a partire dalla metà della prossima settimana e sarà attivo sabato 24 aprile dalle ore 21.